Genitali femminili

La chirurgia dei genitali esterni femminili non è più considerata una tabù e si sta diffondendo rapidamente come soluzione di alcuni problemi legati, nella maggior parte dei casi, ad ipertrofia delle piccole labbra vaginali o all’ipotrofia delle grandi labbra.

GLI INTERVENTI

Le labioplastiche (anche chiamate “ringiovanimento vulvare”) permettono una soluzione definitiva e permanente del problemi di inestetismi delle parti intime.
Il più frequente è quello della riduzione delle piccole labbra che consiste nell’asportazione di un triangolo di piccolo labbro con vertice verso l’interno e rimodellamento con correzione di eventuali asimmetrie delle piccole labbra la cui ipertrofia può creare problemi anche a indossare alcuni tipi di costume da bagno. La sutura è eseguita con fili riassorbibili in modo da evitare il fastidio della loro rimozione.
Per l’aumento delle grandi labbra l’intervento più indicato è il trasferimento di grasso, prelevato dall’addome o dai fianchi con una lipoaspirazione, trattato per essere concentrato prima di essere trasferito con microcannule.
Permette di riempire nella misura richiesta le grandi labbra ridando turgore e tonicità alla zona pubica.

PREPARAZIONE

Durante le visite preoperatorie vengono affrontate tutte le questioni riguardanti l’intervento (condizioni dei tessuti, eventuale disponibilità di grasso da trasferire ecc.) Si devono eseguire degli esami del sangue e delle urine e un elettrocardiogramma (ECG) in vista dell’intervento e dell’anestesia.
Viene eseguita una visita da parte dell’anestesista che farà le sue prescrizioni circa il digiuno preoperatorio ed eventuali altre preparazioni. E’ consigliata un’accurata depilazione il giorno prima dell’intervento.

IL GIORNO DELL’OPERAZIONE

E’ consigliabile recarsi in Clinica con indumenti comodi soprattutto in vista del confort alla dimissione.
Di solito l’intervento viene eseguito in anestesia locale con sedazione, in regime di Day Hospital e non richiede ricovero.
Non truccarsi, (tuttavia i moderni apparecchi per  misurazione della quantità di ossigeno nel sangue funzionano anche con smalti per unghie non particolarmente coprenti). Non portare oggetti metallici indosso quando si va in sala operatoria.
Alla dimissione e per alcuni giorni sarà opportuno avere alcune precauzioni come lavaggi frequenti con detergenti intimi ed astensione dai rapporti sessuali.

ATTIVITA’ NEL PERIODO POSTOPERATORIO

Dopo 4 o 5 giorni ci sarà una visita di controllo in cui si valuterà l’evoluzione della convalescenza, nel giro di una decina di giorni i punti riassorbibili cadranno da soli. Entro un mese si ha normalmente un completo recupero con al possibilità di riprendere gradualmente anche le attività sportive.

ALLA FINE DELLA CONVALESCENZA

Dopo un paio di settimane dall’intervento la situazione sarà sostanzialmente normalizzata. E l’armonia del rapporto fra piccole e grandi labbra sarà quella desiderata.
Le pazienti si dichiarano normalmente molto soddisfatte dei risultati dell’intervento sia dal punto di vista estetico che dal punto di vista soggettivo per la maggiore libertà nella scelta dell’abbigliamento, la migliore e più semplice igiene e l’assenza di imbarazzo nei rapporti intimi e con conseguente miglioramento dell’autostima